Il miele Manuka UMF® della Nuova Zelanda è diventato uno dei mieli floreali più ricercati, riconosciuto a livello internazionale per le sue proprietà antimicrobiche uniche.

Il miele di Manuka è infatti unico in quanto contiene composti antimicrobici che non sono presenti in nessun altro miele floreale. Questa unicità ha portato allo sviluppo di un regime di test per certificare la concentrazione di questi composti noti come "fattore manuka unico" o UMF®.

l’azienda BeeNZ LTD produce miele di manuka della Nuova Zelanda certificato UMF che è la certificazione che garantisce i tre elementi chiave per l’azione antibatterica del miele di manuka. Questi elementi sono:

  • il DHA(didrossiacetone) che è una sostanza presente nel fiore di manuka, l’ape andando su questo fiore trasferisce questo composto nel miele, che attraverso gli enzimi prodotti dall’ape verrà trasformato naturalmente in MGO( metilgliossale).

  • il contenuto di MGO espresso in miriagrammi per kg (mg/kg) di metilgliossale, con un minimo di 83 mg/kg fino ad un massimo di 829 mg/kg.

  • il contenuto minimo di LEPTOSINA che tradotto semplicemente è il polline esclusivo del fiore MANUKA che deve essere minimo del 70% sul totale del vasetto.


Tutto questo iniziò alla fine degli anni '80 quando si iniziò a testare una gamma di mieli floreali nei laboratori presso l'Università di Waikato in Nuova Zelanda e si scoprì che il miele derivato dalle specie di piante di Manuka aveva notevoli proprietà antimicrobiche.

Si dimostrò che, mentre tutto il miele conteneva un enzima chiamato glucosio ossidasi che di per sé ha un effetto antimicrobico quando la glucosio ossidasi rilascia il perossido di idrogeno in presenza di siero corporeo, tuttavia il miele di Manuka aveva qualcosa in più che quando la glucosio ossidasi era rimossa aveva ancora potente proprietà antibatteriche.

Questo fattore è stato descritto come attività non perossidica, in seguito noto come "fattore manuka unico" o UMF®.

Fu solo molti anni dopo che il composto responsabile di questo unico fattore antimicrobico fu identificato come metilgliossale.

Mentre era noto che il nettare raccolto dalla specie Manuka produceva miele contenente metilgliossale, si scoprì anche che vi era un'ampia variazione nella concentrazione di metilgliossale in campioni di miele di Manuka provenienti da diverse regioni, stagioni e densità di piante di Manuka in una data località . 

Una volta identificato il metilgliossale come il composto principale che contribuiva al livello antimicrobico del miele di Manuka, rimanevano delle domande sulla sua fonte in quanto non era presente nel nettare dei fiori di Manuka.

La ricerca è proseguita e si dimostrò che il metilglyoxal nel miele di manuka della Nuova Zelanda proviene dal composto chimico diidrossiacetone (DHA) Quando il miele di Manuka è prodotto fresco dalle api, contiene alti livelli di diidrossiacetone e bassi livelli di metilgliossale, questo gradualmente si inverte quando le proteine e gli amminoacidi presenti in natura convertono gradualmente il diidrossiacetone in metilgliossale.

È stato pertanto necessario creare un sistema di misurazione e certificazione per quantificare l'efficacia antimicrobica del miele di Manuka sviluppando così la misurazione dell'effetto antibatterico di questo miele, noto come "fattore manuka unico" o UMF®. Il metodo utilizzato è di confrontare i singoli campioni di miele in una colonia di batteri con una concentrazione nota di fenolo, un antisettico comune utilizzato nell'industria medica. Confrontando l'efficacia antibatterica dei campioni di miele di Manuka con una concentrazione di fenolo, il miele di Manuka ha una classificazione che ne garantisce l'efficacia. Ad esempio, un campione di miele di Manuka che ha avuto lo stesso effetto antimicrobico del 15% di concentrazione di fenolo viene certificato come UMF® 15+.

Il miele di Manuka UMF in cui viene rilevato un indice maggiore di UMF®10 è considerato attivo, ma studi di laboratorio hanno dimostrato che il miele di Manuka avente livelli di attività non-perossido di UMF® 12, UMF® 15 o superiori è effettivamente efficace su di un’ampia gamma di batteri molto resistenti.

Diversi studi internazionali hanno dimostrato l’efficacia del miele di Manuka UMF® nel combattere ceppi di questi batteri super resistenti. Il miele di Manuka BeeNZ UMF® è un prodotto straordinario, il suo valore unico deriva dalla presenza di composti antibatterici come il perossido di idrogeno, l'alto livello di metilgliossale espresso in termini di UMF®, insieme con antiossidanti, polifenoli, acidi fenolici, flavonoidi e sostanze delle api, tutti elementi vitali per la nostra salute.